Navigation

Francia: troppi divorzi, arriva kit per matrimonio duraturo

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2012 - 19:24
(Keystone-ATS)

In Francia quasi la metà dei matrimoni finisce con un divorzio, troppo secondo il segretario di Stato alla Famiglia, Claude Greff, che annuncia un "kit" per preparare i futuri sposi ai loro doveri e responsabilità a partire da articoli del codice civile. Sarà distribuita nei municipi di Francia una guida sui diritti e doveri degli sposi, oltre a un libretto esplicativo sul matrimonio civile per la formazione dei sindaci e dei consiglieri comunali. L'obiettivo è "valorizzare l'istituzione del matrimonio" e ridurre il numero di divorzi le cui conseguenze rappresentano un costo in termini "umani e finanziari".

"Bisogna fare in modo che le coppie si impegnino con conoscenza di causa", osserva la Confederazione nazionale delle associazioni familiari cattoliche (Cnafc). "Spesso i partner non hanno idea delle conseguenze e degli obblighi del matrimonio", dice anche l'avvocato Beatrice Weiss-Gout, specialista in diritto di famiglia, per la quale alcuni articoli del codice civile sono spesso sconosciuti dai futuri sposi, come per esempio il dovere di essere solidali con i suoceri.

Il sociologo Francois de Singly è invece convinto che sia "un'illusione pensare che una migliore comprensione del codice civile permetta una diminuzione del numero dei divorzi". Secondo lui, sono sempre più spesso le donne a decidere di separarsi perché ritengono che il loro marito non abbia abbastanza attenzioni nei loro confronti o non partecipi alle faccende domestiche, "mancanze" che "non sono menzionate nel contratto di matrimonio".

Per l'Istituto di statistica e studi economici (Insee), nel 2010 sono stati registrati in Francia 251'654 matrimoni e circa 134'000 divorzi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?