Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Uccelli rapaci per difendere la produzione dello Champagne. A pochi giorni dall'inizio della vendemmia, nella storica regione di Reims, nel nord-est della Francia, la falconeria sembra essere diventata la soluzione al disturbo provocato dagli stormi di uccelli. Almeno nella celebre maison Pommery, che ha affidato a un falconiere e ai suoi due falchi ammaestrati, l'arduo compito di difendere i vigneti dagli altri uccelli.
All'alba o al crepuscolo, nel momento in cui più forte è l'appetito degli storni, Chico e Benti, questo il nome dei due falchi Harris, sorvegliano silenziosamente dall'alto i 25 ettari dei vigneti della Pommery, prima di poggiarsi dolcemente sui pini della proprietà. Con il loro comportamento predatorio, i due falchi dissuadono infatti gli altri uccelli dall'invadere il loro spazio. Gli attacchi di questi rapaci non sono cruenti. Ma funzionano benissimo da deterrente. Prima di ricorrere a questa tecnica, spiega Thierry Gasco, responsabile della proprietà Vranken-Pommery, proteggevamo l'uva con "delle reti di plastica poco pratiche ed inquinanti, che inoltre non potevamo riutilizzare e che richiedevano la collaborazione di almeno cinque persone".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS