Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Croci rovesciate e imbrattate con simboli nazisti, tombe e cappelle distrutte, statue di santi decapitate, altari e riproduzioni sacre ridotte a pezzi: nell'indifferenza generale, in Francia si registra una profanazione religiosa ogni 48 ore. Stando a una nota della gendarmeria, pubblicata da "Le Figaro", nel 2009 sono state profanate 184 tombe, 19 in meno dell'anno precedente.
Il ritmo di questi atti vandalici è aumentato dal 2005 e - stando al rapporto dei gendarmi - riguarda "in stragrande maggioranza tombe cristiane o chiese". Nelle campagne e zone extraurbane, 122 cimiteri e 34 luoghi di culto cattolico sono finiti nel mirino dei profanatori nel 2009.
Studiando il profilo dei profanatori - in base a quelli che finiscono in manette - la gendarmeria francese ha rilevato che l'83% di loro sono minorenni e il 79% maschi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS