Navigation

Francia-Cina: manifestazione a Tour Eiffel per diritti umani

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2010 - 19:48
(Keystone-ATS)

PARIGI - Più di duecento persone hanno manifestato oggi davanti alla Tour Eiffel, a Parigi, per la difesa dei diritti umani in Cina e per la liberazione del dissidente cinese e Nobel per la pace, Liu Xiaobo.
Poco dopo l'arrivo del presidente Hu Jintao, accolto in pompa magna all'aereoporto di Orly da Nicolas e Carla Sarkozy, i manifestanti, tra i quali militanti di Amnesty International e di Reporters sans frontieres, si sono riuniti davanti al monumento simbolo della città, agitando le bandiere del Tibet e della provincia di Xinjiang, patria della minoranza etnica degli uiguri.
"Speriamo che l'incontro non sarà dominato solo da vaghe promesse di contratti", ha commentato il presidente della Comunità tibetana di Francia, Thupten Gyatso.
Come gesto simbolico per la liberazione di Liu Xiaobo sono state liberate delle colombe: "si possono favorire gli scambi economici con la Cina, ma difendendo i valori", ha sottolineato il segretario generale di RSF, Jean-Francois Juillard.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?