Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A fine febbraio in Svizzera erano interessate dalla disoccupazione parziale 10'000 persone, il doppio rispetto al mese precedente, secondo quanto indicato oggi dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann alla radiotelevisione romanda RTS.

Egli ritiene tuttavia che lo shock attuale seguito all'abbandono della soglia di cambio minima tra franco ed euro a metà gennaio sia molto meno forte del previsto e pure della precedente crisi del franco forte.

Rispetto ad allora le cifre della disoccupazione parziale sono modeste, ha affermato il ministro dell'economia. Esse erano sette volte più elevate nel luglio-agosto 2011 - ossia poco prima dell'introduzione della soglia minima di 1.20 franchi - che nel gennaio-febbraio 2015.

Secondo le ultime cifre della Segreteria di stato dell'economia (SECO), a fine febbraio le aziende che avevano fatto richiesta di disoccupazione parziale erano 600, contro 211 due mesi prima. A fine 2014 erano colpite 2'081 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS