Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per l'istituto di ricerche congiunturali Bakbasel la Svizzera perderà da 1,5 a 2 punti di crescita del prodotto interno lordo entro il 2016 in seguito all'abolizione del cambio minimo euro/franco. Se il corso si manterrà almeno leggermente al di sopra della parità il paese non entrerà in recessione, ma dovrà fare i conti con una espansione economica debole, inferiore al suo potenziale, si legge in un comunicato diramato ieri sera.

Non mancheranno inoltre gli effetti sulla disoccupazione: il tasso salirà dal 3,6 al 3,8% in media annuale.

Bakbasel ritiene peraltro anche poco probabile che l'euro possa tornare a salire a 1,20 o più in alto: le aziende devono quindi rassegnarsi a fare i conti con un franco nettamente più forte del previsto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS