Navigation

Franco forte: da tavola rotonda nessun risultato concreto

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 agosto 2011 - 17:22
(Keystone-ATS)

"Una discussione costruttiva, ma nessun risultato concreto": così il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann al termine della tavola rotonda di due ore sull'apprezzamento del franco svoltasi oggi a Berna.

"Ho potuto constatare che c'era una grande volontà attorno al tavolo" di ridurre il livello dei prezzi in Svizzera, ha detto il consigliere federale al termine dell'incontro con i rappresentanti degli importatori, dei produttori, dei grandi distributori, delle associazioni dei consumatori e con la Commissione della concorrenza (Comco) e il sorvegliante dei prezzi.

A corto termine il consigliere federale punta proprio sulla Comco e su Mister Prezzi, che "sono chiamati a sfruttare al massimo i rispettivi margini di manovra". Il capo del DFE si è anche detto pronto a discutere su un aumento dei loro effettivi.

Schneider-Ammann ritiene che sia il momento di intervenire a tutti i livelli affinché i consumatori svizzeri possano approfittare del forte apprezzamento del franco. I partecipanti alla tavola rotonda hanno tuttavia contestato di trarre profitto dal super franco.

"Registriamo perdite di 300 milioni di franchi", ha dichiarato davanti alla stampa il responsabile dell'importatore di automobili AMAG Morten Hannesbo. Herbert Bollinger, presidente delle cooperative Migros, ha da parte sua criticato che i prezzi sono in gran parte dettati dai distributori internazionali e che le importazione parallele non funzionano.

Per il ministro dell'economia i "colpevoli" sono quindi i produttori internazionali, che fissano i prezzi per la Svizzera sulla base dei vecchi cambi.

Schneider-Ammann ha aggiunto che presenterà varie proposte per far fronte all'apprezzamento del franco mercoledì prossimo al Consiglio federale. Una possibilità sarà una revisione della legge sui cartelli, ma il ministro dell'economia non ha voluto dire di più in proposito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?