Navigation

Franco forte: Mister prezzi, più concorrenza per far calare prezzi

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2011 - 11:47
(Keystone-ATS)

"Mister Prezzi" esige che le "imprese svizzere ripercuotano il calo dell'euro sui prodotti importati". In un'intervista rilasciata oggi a "Le Temps", Stefan Meierhans punta il dito contro una concorrenza non abbastanza efficace e chiede un rafforzamento della Commissione della concorrenza (Comco).

"Da gennaio ad oggi, ho ricevuto il doppio di lamentele rispetto allo stesso periodo del 2010", indica il Preposto alla sorveglianza dei prezzi. "A mio parere, si tratta di un indicatore dell'ampiezza del problema. Tali rimostranze concernono tutti i tipi di prodotti: vestiti, scarpe, software, benzina, biciclette, medicinali".

I reclami possono dar luogo a inchieste se provano che le importazioni parallele sono ostacolate, sottolinea "Mister prezzi". "Sei procedure sono in corso contro materiale di montagna, crociere, Nikon, BMW e la diffusione di musica".

Affinché i consumatori possano approfittare del rafforzamento del franco, occorre una concorrenza più efficace, ribadisce Meierhans. La situazione attuale ha in particolare reso molto più visibili i cartelli verticali (gli accordi tra produttori e distributori).

Lottare contro questo genere di fenomeni non è tuttavia di competenza del Sorvegliante dei prezzi, bensì della Comco, aggiunge Meierhans, il quale chiede pure un rafforzamento di quest'ultima commissione. "La regolamentazione attuale è limitata".

Accanto alle inchieste in corso, Mister Prezzi ha inoltre contattato una decina di società, affinché giustifichino le loro tariffe. "Avevamo cominciato con Apple nell'autunno 2010. Ci hanno appena comunicato che abbasseranno i prezzi del 10%", spiega Meierhans, senza precisare quali siano le altre aziende interpellate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?