Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non si può rimanere impassibili di fronte all'apprezzamento della moneta nazionale, e delle conseguenze potenzialmente nefaste per l'economia. È quanto crede la commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale (CET-N) che - per 13 voti a 6 - chiede al ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann mediante una mozione di presentare un pacchetto di misure volte a mitigare l'impatto del franco forte sulle aziende elvetiche.

In particolare, la CET-N domanda provvedimenti che permettano alle società di assicurarsi a costi accettabili contro i rischi all'esportazione, precisa una nota odierna dei Servizi del parlamento.

Andrebbero prese in considerazione soprattutto le esigenze delle piccole e medie imprese. Durante la crisi del 2008, il Consiglio federale aveva puntato sulla garanzia contro i rischi all'esportazione per rilanciare l'economia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS