Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il franco forte rende la Svizzera più ricca, secondo Reiner Eichenberger.

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

L'elevato valore del franco rende la Svizzera più ricca: ne è convinto il professore di economia Reiner Eichenberger.

"Il franco forte comporta svantaggi per la produzione, ma vantaggi ancora maggiori per il consumo: visto che importiamo più a buon mercato scendono i costi per il consumo e per i semifabbricati", spiega lo specialista in un'intervista pubblicata dal portale finanziario Cash.

"Da quando il franco si è rafforzato produciamo un po' di meno, lavoriamo quindi anche un po' meno, ma grazie ai prezzi più bassi dei prodotti importati consumiamo di più e l'avanzo commerciale, e quindi i risparmi, sono cresciuti", sostiene Eichenberger. "Lavorare meno, consumare di più e risparmiare maggiormente: è il paese del Bengodi!".

Secondo il docente di Friburgo, le imprese che importano beni ribaltano sul consumatore il vantaggio del prezzo più basso dei prodotti: "ma anche se non lo fanno interamente, il guadagno di cambio rimane presso l'azienda stessa, quindi in Svizzera".

Il rafforzamento del franco - prosegue l'esperto - aumenta il potere d'acquisto, facendo sì che la rivendicazione dei sindacati di una progressione dei salari sia già adempiuta. "Una valuta forte vale oro: se il franco fosse infinitamente forte potremmo comprare il mondo intero con un franco, sarebbe fantastico".

Sempre stando a Eichenberger, anche la tanto temuta deflazione non è negativa per i risparmiatori. A guadagnare dall'inflazione è essenzialmente lo Stato.

Al portale Cash - specializzato in notizie borsistiche - lo specialista 55enne fornisce anche i suoi consigli di investimento. "Se un consulente vi raccomanda singole azioni o al contrario ne sconsiglia l'acquisto vuole solo guadagnare", afferma. Il mercato è efficiente: non si può puntare su una performance sistematicamente superiore.

"Ci si deve chiedere questo: devo investire in un'azienda ben amministrata o in una mal gestita? La gran parte delle persone risponderebbe: naturalmente in una bene amministrata. Ma in realtà l'aspettativa di rendimento delle azioni di entrambi i tipi di impresa è uguale. Una società mal gestita verserà meno dividendi, ma questo è già contemplato dal prezzo delle azioni. Il denaro è ben investito in entrambe le azioni. Tutto il resto è sfortuna o fortuna".

Ciò non significa che le banche servano a nulla. Secondo Eichenberger, i consulenti devono conoscere il profilo e la propensione al rischio dei loro clienti, devono valutare il potenziale del loro patrimonio e devono essere in grado di diversificare e ottimizzare i rischi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS