Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il funambolo svizzero Freddy Nock ha realizzato oggi in Engadina il suo 19esimo record mondiale: l'artista 50enne ha effettuato la traversata, non assicurato, tra due vette nel massiccio del Bernina, a 3500 metri di altezza.

Nock, padre di cinque figli, è partito dalla cresta Biancograt (3532 m), a nord del Piz Bernina, percorrendo in 39 minuti una distanza di 347 metri sulla fune sino al Piz Prievlus (3582 m), per un dislivello quindi di 50 metri. Se qualcosa fosse andato storto Nock sarebbe precipitato per 1000 metri.

Una giudice del "Guiness World records" ha esaminato in collegamento diretto il materiale video e le testimonianze dei presenti e ha confermato che i criteri erano stati rispettati, si legge in un comunicato di questa sera dell'Istituzione dei record mondiali.

Nock non ha indossato il casco che gli avrebbe impedito di vedere, come invece era previsto inizialmente: l'artista ha spiegato di aver avuto una brutta sensazione a causa dell'oscillazione della fune che non era sufficientemente tesa. Non ha quindi voluto rischiare, ha detto all'ats.

Con questa impresa Nock annovera 19 record mondiali. Anche il suo primo record, nel 1998, lo aveva stabilito in Engadina. Allora il funambolo aveva percorso 743 metri sul cavo di una funivia a St. Moritz.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS