Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fujifilm dice addio alla pellicola cinematografica dopo quasi 80 anni a causa del crollo della domanda e dei margini, dell'impennata dei costi delle materie prime e, soprattutto, della concorrenza del digitale.

Dalla primavera 2013 il colosso nipponico, le cui attività spaziano ora da fotocamere a stampanti per foto e per il settore medico, manderà in pensione le attività gestite in via continuativa dal 1934, anno della sua fondazione, fermando la produzione dell'impianto di Ashigara, nella prefettura di Kanagawa.

Fujifilm, che sta accettando gli ultimi ordini da aziende e laboratori, continuerà a sviluppare le pellicole speciali di conservazione archivistica, almeno per l'immediato futuro.

Nel cinema le macchine digitali per filmare hanno preso il sopravvento, sia per le enormi possibilità di modifiche durante l'editing sia per la distribuzione molto più semplice.

La compagnia non ha fornito l'entità del fatturato generato dalle pellicole ma, pur avendo attualmente di fatto il monopolio in Giappone, ha spiegato che è difficile centrare una domanda sufficiente da mantenere la redditività, soprattutto dopo l'annuncio del rialzo dei prezzi di luglio.

Eastman Kodak vanta a livello mondiale la quota di mercato maggiore, pari a circa il 55%, mentre Fujifilm e Agfa-Gevaert detengono, rispettivamente, circa il 35% e il 10%, collocandosi così al secondo e terzo posto. Il mercato della pellicola cinematografica ha registrato lo scorso anno una contrazione del 70% rispetto al picco del 2007.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS