Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ha avuto successo in Australia l'obbligo di vendita di pacchetti anonimi di sigarette dal colore olivastro, con immagini-shock dei danni del fumo ai diversi organi, introdotto dal passato governo laburista a fine 2012 nell'ambito della sua battaglia al tabacco.

La ricerca più ampia sugli effetti della normativa, condotta dal Cancer Council of Victoria e presentata oggi alla World Conference on Tobacco and Health ad Abu Dhabi, mostra che nel primo anno dalla loro introduzione i pacchetti anonimi hanno aumentato sostanzialmente la proporzione dei fumatori che hanno smesso. Un tendenza confermata dai dati dell'Istituto di statistica, secondo cui nel 2014 il consumo di tabacco è diminuito del 12,2%.

La ricerca, pubblicata sulla rivista medica Tobacco Control, è basata su interviste a oltre 5000 australiani adulti e a 6000 studenti medi, prima e dopo l'introduzione della normativa. E non mostra alcuna evidenza a sostegno delle asserzioni dei colossi del tabacco, che le norme abbiano condotto a un aumento delle vendite di sigarette illecite.

"Sono state smascherate le tattiche intimidatorie dell'industria del tabacco, che hanno fatto pressione contro la normativa sostenendo che avrebbe favorito il mercato nero", ha detto il direttore del Cancer Council of Victoria, Todd Harper. Fra le conclusioni più promettenti, ha aggiunto, è che i pacchetti non sono attraenti per gli adolescenti, con una riduzione di attrattiva di quattro delle cinque marche più popolari fra gli alunni di scuola.

"È veramente piacevole vedere l'impatto presso i giovani, ricordando che questa era sin dall'inizio una delle principali ragioni per introdurre la legge, ha aggiunto Harper, avvertendo però che "l'industria del tabacco intensificherà gli sforzi globalmente per cercare di persuadere i governi a non introdurre i pacchetti anonimi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS