Riuniti oggi a Zurigo in assemblea generale straordinaria, gli azionisti di Holcim devono decidere del progetto di fusione tra il cementificio sangallese e il suo concorrente francese Lafarge.

Diversi grandi azionisti hanno già manifestato il loro assenso, ma i piccoli potrebbero opporre resistenza.

Per permettere la fusione i proprietari di Holcim dovranno in particolare pronunciarsi con una maggioranza di due terzi sull'aumento di capitale per finanziare il "matrimonio tra partner uguali" dei due giganti mondiali del cemento.

Per il momento i tre azionisti di riferimento - Thomas Schmidheiny, (20,1%), Eurocement del miliardario russo Galtchev (10,8%) e il fondo di investimento americano Harris Associates (6,4%) - hanno dato il loro benestare al progetto.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.