Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le carriere accademiche non sono abbastanza incoraggiate in Svizzera, constata il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS): il futuro dipenderà strettamente dalla partecipazione al programma "Horizon 2020" dell'Unione europea.

Il FNS stima a 4,5 miliardi di franchi il fabbisogno finanziario dei ricercatori, scrive nel suo programma 2017-2020 presentato oggi ai media a Berna. Quasi un quinto di questo importo dovrebbe essere utilizzato per misure che mirano a incoraggiare in maniera ottimale una carriera accademica, precisa.

Si tratta in particolar modo di sfruttare meglio il potenziale indigeno, con "prospettive di carriera chiare e attrattive per i ricercatori più talentuosi", aggiunge il FNS. Già l'anno scorso il Fondo nazionale ha investito una cifra record nel sostegno a progetti e a carriere. In totale 3469 progetti di ricerca hanno beneficiato di 849 milioni di franchi.

Si è trattato di reagire alle incertezze provocate dall'accettazione, il 9 febbraio 2014, dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa. Il programma presentato oggi potrebbe conoscere cambiamenti sostanziali se la Svizzera non sarà più associata a "Horizon 2020" dopo il 2016, termine fino al quale Berna ha negoziato la sua partecipazione provvisoria dopo le polemiche suscitate dalla votazione del 9 febbraio, sottolinea il FNS.

I soldi non sono l'unico problema. In materia di ricerca d'avanguardia l'internazionalizzazione e l'integrazione nel quadro europeo sono indispensabili per la Svizzera, rammenta il Fondo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS