Navigation

G20: appello Ban Ki-moon a leader per soluzioni coraggiose

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2011 - 18:08
(Keystone-ATS)

I leader del mondo "ascoltino le voci della protesta globale e offrano soluzioni audaci per risolvere la crisi": è l'appello lanciato dal segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, nel giorno del vertice Ue di Bruxelles e in vista della riunione del G20 in programma la prossima settimana a Cannes.

In una lettera inviata ai leader del G20, Ban sottolinea come quest'anno il summit ha la responsabilità storica di riaprire la strada alla crescita.

"I leader del mondo - scrive Ban - non possono trascurare il fatto che le proteste in atto sono espressione dell'incertezza della crescita economica e della volatilità dei mercati. Le persone hanno perso fiducia nei governi e nelle istituzioni pubbliche".

In una nota diffusa al Palazzo di Vetro dal suo portavoce, Ban parla anche della situazione europea, augurandosi che i leader presenti al vertice del G20 affrontino con decisione la crisi in atto nell'Eurozona, tornando da Cannes con un pacchetto di norme che permettano di evitare la recessione.

Ban definisce critico lo scenario attuale: "sappiamo tutti che la parola d'ordine è austerità". Ma il segretario generale ricorda anche che questo non può far perdere l'attenzione sulla necessità di continuare a pensare alle categorie più deboli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?