Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un grande accordo del G20 per affrontare gli squilibri globali tenendo d'occhio quattro campanelli d'allarme: saldo commerciale, debito pubblico e privato, tasso di cambio e riserve in valuta estera. La presidenza francese del G20 - mentre il presidente Nicolas Sarkozy rilancia la proposta di una tassa sulle transazioni finanziarie - deve però fare i conti con l'opposizione di alcune 'pesanti' economie emergenti. Tanto che la fissazione dei quattro indicatori, caposaldo per evitare nuove crisi finanziarie fissando almeno un insieme di parametri-base (e rinunciando a quantificarli), sembra lontana dall'intesa.

"Crediamo non sia giusto utilizzare il tasso di cambio effettivo e le riserve", ha detto stamani il ministro delle finanze cinese Xie Xuren dopo un incontro con i suoi colleghi di Russia, India e Brasile, il gruppo dei 'Bric' che ora includerà anche il Sud Africa. "I mercati emergenti, per gestire crisi finanziarie e shock economici, hanno bisogno di mettere da parte riserve". Un'ipoteca su uno dei punti-chiave emersi dalle prime bozze del G20, anche se fonti qualificate riferiscono che "c'è spazio di manovra" per un accordo una volta che a sedersi al tavolo saranno i ministri delle Finanze.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS