Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Il colosso del gas russo ha aumentato oggi del 30%, portandolo così complessivamente al 60%, il taglio delle forniture alla Bielorussia, nell'ambito della disputa sul prezzo del metano con Minsk.
Lo ha reso noto l'amministratore delegato Alexiei Miller, riferisce l'agenzia Itar-Tass. Lunedì Gazprom aveva ridotto del 15% le sue forniture, ieri di un altro 15%. Sempre ieri, il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko aveva ordinato al governo di sospendere il transito del gas russo, contrapponendo al debito reclamato da Gazprom quello legato al mancato pagamento delle aumentate tariffe di transito.
Il transito del gas russo attraverso la Bielorussia viene effettuato in pieno volume e i consumatori europei non hanno alcuna difficoltà con i rifornimenti: lo ha reso noto l'amministratore delegato del colosso energetico russo Gazprom Alexiei Miller, come riferisce l'agenzia Itar-Tass.

SDA-ATS