Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un massiccio schieramento di polizia in assetto antisommossa presidia dalle prime ore di stamane il centro di Belgrado dove oggi è in programma il Gay Pride.

Questo appuntamento negli anni scorsi è stato all'origine di forti tensioni e anche scontri di piazza per l'opposizione di gruppi ultranazionalisti e omofobi.

L'intera zona del corteo è chiusa al traffico, e i punti più sensibili sono presidiati anche da mezzi blindati. Ieri le autorità avevano dato il via libera alla manifestazione, mettendo in guardia tuttavia da gesti di violenza e intolleranza. Il corteo si muoverà alle 12:00 davanti alla sede del governo, mentre un'ora prima è previsto un corteo separato di movimenti trans, i quali sostengono di avere problemi specifici di natura sopratutto amministrativi. Il loro raduno è in programma nel parco di fronte al parlamento.

In segno di solidarietà e a sostegno dei diritti della popolazione omosessuale è prevista la presenza ai cortei odierni di alcuni membri del governo serbo, del ministro della cultura svedese e di alcuni ambasciatori, fra i quali l'italiano Giuseppe Manzo.

Il Gay Pride del 2010 era sfociato in violenti scontri di piazza a Belgrado fra polizia ed estremisti di destra con centinaia di feriti e arresti. Per i tre anni successivi la manifestazione era stata vietata per motivi di sicurezza e ordine pubblico. Il Pride si era nuovamente tenuto lo scorso anno, senza incidenti di rilievo. Il rispetto dei diritti umani e delle minoranze è uno dei punti tenuti sotto osservazione a Bruxelles, dove tra un mese verranno rese note le nuove "pagelle" sui progressi della Serbia e degli altri paesi dei Balcani occidentali sulla strada dell'integrazione europea.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS