Navigation

Gaza: famiglia distrutta, per esercito "colpita per errore"

Gli aerei con la stella di Davide potrebbero aver sbagliato. KEYSTONE/EPA/ABIR SULTAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2019 - 12:45
(Keystone-ATS)

Sarebbe da imputare ad un errore il bombardamento aereo avvenuto nella notte di mercoledì di una casa di Deir el-Balah (Gaza), dove sono rimasti uccisi otto membri della famiglia Abu Malhus, fra cui i genitori ed i figli.

Da fonti militari Haaretz ha appreso che in Israele "si supponeva che il loro edificio fosse in quel momento vuoto". Giovedì la radio militare ha sostenuto che il capo di famiglia Ramsi Abu Malhus era il responsabile per conto della Jihad islamica del lancio di razzi verso Israele dal settore centrale della Striscia.

L'esercito ha precisato a Haaretz che è stata aperta un'inchiesta. "Israele compie un sforzo di intelligence ed operativo molto elevato - è stato aggiunto - per non colpire innocenti durante le attività di anti-terrorismo". Tuttavia fonti di Gaza citate da Haaretz riferiscono che potrebbe esserci stato un errore di identificazione, visto che quella famiglia viveva "in condizioni di massima indigenza", cosa che secondo loro induce a dubitare che Abu Malhus avesse alcun incarico di responsabilità ai vertici della Jihad islamica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.