Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Gaza: militari, né tentativo rapimento né esecuzione mirata

In un'operazione israeliana hanno perso la vita sette membri di Hamas (foto d'archivio simbolica).

KEYSTONE/EPA/ABED AL HASHLAMOUN

(sda-ats)

Non è stato né un tentativo di rapimento, né un'esecuzione mirata l'operazione israeliana che ieri sera a Gaza ha provocato la morte di un comandante dell'ala militare di Hamas e di altri sei membri della fazione palestinese.

Lo ha fatto sapere il portavoce militare. Il capo di stato maggiore dell'esercito Gadi Eisenkot - che questa mattina ha diretto una riunione di sicurezza insieme al capo dello Shin Bet (l'agenzia di intelligence per gli affari interni dello Stato ebraico) Nadav Argaman - l'ha definita "un'azione importante per la sicurezza di Israele".

"Le forze dell'esercito e dell'aviazione - ha proseguito offrendo le condoglianze alla famiglia dell'ufficiale israeliano ucciso - hanno combattuto bene ed eroicamente". L'esercito ha comunque deciso di rinforzare le proprie truppe nel sud ed è pronto ad "operare se necessario, a piena forza".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.