Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiude i battenti l'acciaieria Redcar, nel nord-est dell'Inghilterra, dopo che i curatori fallimentari non hanno trovato dei compratori. I lavoratori licenziati sono 2200.

La scorsa settimana 1700 operai avevano perso il posto di lavoro dopo che i proprietari del gruppo thailandese Ssi avevano annunciato la liquidazione dell'attività. Altri 500 erano rimasti per tenere in funzione alcune parti dello stabilimento ma anche per loro il destino è segnato.

Critiche al governo di David Cameron, per non essere intervenuto con tempestività al fine di evitare la chiusura, erano arrivate da più parti, anche dal leader del Labour, Jeremy Corbyn, che parlando alla Camera dei Comuni aveva invece elogiato il governo italiano per aver saputo sostenere il settore delle acciaierie in un momento di crisi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS