Il concetto del tempo non venne "scoperto" in Mesopotamia 5 mila anni fa, come si pensava sino ad oggi, ma nel remoto Aberdeenshire, in Scozia. È quanto emerge dagli scavi archeologici condotti da una equipe britannica dell'università di Birmingham in un insediamento risalente a 10 mila anni fa dove è stata scoperta una struttura usata come calendario annuale.

La struttura, formata da buche sulle quali erano piazzate grosse pietre, sarebbe stata in grado di misurare il passaggio delle stagioni e le fasi lunari. "Il sito potrebbe fornire la prova più antica, al momento disponibile, di uno strumento per rilevare lo scorrere del tempo", si legge in una nota dell'università.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.