Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due attivisti inglesi, impegnati a rivendicare i diritti dei padri divorziati sulla custodia dei figli, ieri pomeriggio sono riusciti a inerpicarsi su un tetto di Buckingham Palace per dare visibilità alla loro protesta.

Secondo la BBC, la regina non era comunque nella sua residenza londinese.

Martin Matthews, 48 anni, e Bobby Smith, 33, si sono serviti di una scala per completare la loro incursione, sfidando una giornata di pioggia e vento, mentre un altro attivista creava un diversivo facendo confusione all'ingresso del palazzo. I due hanno così raggiunto il tetto della cosiddetta Galleria della Regina, dove è ospitata una collezione d'arte di Buckingham Palace.

Da lassù, uno dei due ha mostrato uno striscione con su scritto "I am Harry's dad", in riferimento a un caso di contesa giudiziaria che coinvolge suo figlio. L'operazione - conclusasi senza incidenti - è stata promossa dalle associazioni New Fathers 4 Justice e Stop The War On Dads. Gli attivisti coinvolti sono scesi dopo un po' è sono stati sentiti dalla polizia.

Smith aveva già portato la sua protesta mesi fa dinanzi a David Cameron, intrufolandosi mascherato in un comizio nel collegio elettorale del premier a Witney, in Oxfordshire. Era stato inoltre protagonista di una scalata dell'Abazia di Westminster in occasione della festa del papà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS