Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due attivisti inglesi, impegnati a rivendicare i diritti dei padri divorziati sulla custodia dei figli, ieri pomeriggio sono riusciti a inerpicarsi su un tetto di Buckingham Palace per dare visibilità alla loro protesta.

Secondo la BBC, la regina non era comunque nella sua residenza londinese.

Martin Matthews, 48 anni, e Bobby Smith, 33, si sono serviti di una scala per completare la loro incursione, sfidando una giornata di pioggia e vento, mentre un altro attivista creava un diversivo facendo confusione all'ingresso del palazzo. I due hanno così raggiunto il tetto della cosiddetta Galleria della Regina, dove è ospitata una collezione d'arte di Buckingham Palace.

Da lassù, uno dei due ha mostrato uno striscione con su scritto "I am Harry's dad", in riferimento a un caso di contesa giudiziaria che coinvolge suo figlio. L'operazione - conclusasi senza incidenti - è stata promossa dalle associazioni New Fathers 4 Justice e Stop The War On Dads. Gli attivisti coinvolti sono scesi dopo un po' è sono stati sentiti dalla polizia.

Smith aveva già portato la sua protesta mesi fa dinanzi a David Cameron, intrufolandosi mascherato in un comizio nel collegio elettorale del premier a Witney, in Oxfordshire. Era stato inoltre protagonista di una scalata dell'Abazia di Westminster in occasione della festa del papà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS