Navigation

Gb: governo mette al bando il fracking

Il sito esplorativo di Balcombe, nel West Sussex. Keystone/AP/LEFTERIS PITARAKIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2019 - 09:45
(Keystone-ATS)

Il governo britannico ha messo al bando il cosiddetto "fracking", la contestata tecnica di fratturazione idraulica del sottosuolo per l'estrazione del petrolio e dello shale gas, o gas di scisto.

La decisione, riporta il "Guardian", ha effetto immediato e rappresenta una vittoria importante per gli ambientalisti e le comunità locali, che da anni chiedevano il divieto di queste operazioni.

Alla base della decisione c'è un nuovo studio scientifico secondo cui non è possibile escludere conseguenze "inaccettabili" per le persone che vivono vicino a questi siti. Il rapporto, realizzato dall'Autorità per il petrolio e il gas (OGA), sottolinea inoltre che è impossibile prevedere la potenza dei terremoti provocati dal fracking.

Lo scorso 12 ottobre un giudice dell'Alta Corte d'Inghilterra aveva invece respinto il ricorso presentato dall'attivista Bob Dennett a nome di un gruppo di ambientalisti e cittadini per fermare queste attività.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.