Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo britannico propone misure drastiche per le morti causate dagli attacchi di cani: si prevedono per i padroni che non riescono a controllarli pene sempre più gravi, fino al carcere a vita, mentre al momento il limite massimo è due anni.

La proposta, che riguarda Inghilterra e Galles, arriva dopo il caso di una ragazza di 14 anni, Jade Andreson, che lo scorso marzo è stata sbranata da quattro cani mentre si trovava a casa di un amico vicino a Manchester.

La polizia non ha potuto incriminare i padroni per quella morte. Attualmente la legge riguarda gli attacchi da parte di cani in spazi pubblici o in aree private dove gli animali non sono ammessi, come il giardino di un vicino o un parco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS