Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Il Blackberry e l'Iphone fanno male al sesso. Non si tratta di una ricerca sugli effetti delle microonde dei telefonini ma dell'opinione di più di un quarto delle donne britanniche, che secondo un sondaggio pubblicato dal "Daily Telegraph" incolpano proprio i gadget tecnologici della scarsa attività dei partner sotto le coperte.
Dai dati riportati risulta che il 28% delle donne incolpa mail e Internet, in particolare gestite dai dispositivi portatili e che quindi possono "entrare" anche in camera da letto e distrarre così gli uomini, della scarsa attività sessuale. Fra gli altri fattori citati ci sono anche il troppo lavoro (55%) e la stanchezza (83%).
La ricerca, commissionata dalla Bayer, ha anche rivelato che una donna su due si sente più attraente dopo i 30 anni, anche se due su tre affermano di aver avuto una maggiore attività sessuale tra i 20 e i 29 anni. In media le intervistate hanno affermato di avere 1.4 rapporti a settimana, ma sei su dieci preferirebbero una maggiore frequenza. Il dato "contro" l'Iphone è confermato anche dalla domanda sull'intraprendenza dei partner: per il 65% del campione l'uomo non prende abbastanza iniziativa sotto le coperte.

SDA-ATS