Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - Un uomo, che si ritiene fosse una spia britannica a servizio dell'MI6, è stato trovato morto nel suo appartamento al centro di Londra: il cadavere è rimasto chiuso per giorni in un borsone lasciato nel bagno dell'appartamento.
Sebbene i servizi segreti non abbiano ancora confermato che l'uomo fosse una spia, la stampa britannica anticipa che si tratterebbe di un agente specializzato nella comunicazione e nell'ascolto e impiegato dal MI6, l'agenzia di spionaggio per l'estero della Gran Bretagna. L'uomo, di circa 30 anni e la cui identità non è stata svelata, è stato ritrovato in seguito all'allarme lanciato dai vicini che non ne avevano notizie da giorni.
La polizia è quindi entrata nell'appartamento e ha trovato il corpo in decomposizione e una serie di schede sim e telefoni cellulari sparsi sul pavimento. Fonti della polizia riferiscono che i documenti dell'uomo confermano che lavorasse per i servizi segreti ma non che fosse un agente segreto: "potrebbe essere stato un tecnico anziché una spia", ha riferito una fonte del Guardian.
Troppo presto per poter ipotizzare moventi e circostanze dell'omicidio, Scotland Yard riferisce che "tutte le opzioni aperte sono sotto esame" e sembra che si stiano valutando eventuali questioni relative alla sicurezza nazionale nell'ambito della vicenda. Oggi ci sarà l'autopsia per determinare le cause della morte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS