Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - Il parlamento scozzese si unisce al dibattito sul suicidio assistito con un disegno di legge che permetterebbe ai malati terminali di richiedere aiuto per porre fine alla propria vita.
La Bbc riferisce che la deputata scozzese Margo MacDonald, affetta da morbo di Parkinson, ha presentato la proposta che sarà sottoposta allo scrutinio di una commissione parlamentare per poi essere votata dai deputati scozzesi. La proposta prevede una serie di garanzie per evitare qualsiasi abuso. I "richiedenti", secondo il disegno di legge, dovranno essere malati terminali o disabili fisici permanenti. Le richieste dovranno essere approvate da un medico e da uno psichiatra. I medici che per ragioni etiche o religiose vorranno astenersi dal somministrare le medicine letali potranno farlo.
"La legge - ha detto MacDonald - vuole risolvere le attuali ingiustizie e dare ai malati l'autonomia di esercitare controllo sul modo in cui decidono di morire. Vogliamo fornire il diritto e la protezione legale a coloro che vogliono assistere i malati".
La legge intende anche evitare che coloro che contemplano il suicidio assistito debbano recarsi in Paesi stranieri dove viene consentita dalla legge.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS