Navigation

GB: Scozia, presentata legge suicidio assistito

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2010 - 16:36
(Keystone-ATS)

LONDRA - Il parlamento scozzese si unisce al dibattito sul suicidio assistito con un disegno di legge che permetterebbe ai malati terminali di richiedere aiuto per porre fine alla propria vita.
La Bbc riferisce che la deputata scozzese Margo MacDonald, affetta da morbo di Parkinson, ha presentato la proposta che sarà sottoposta allo scrutinio di una commissione parlamentare per poi essere votata dai deputati scozzesi. La proposta prevede una serie di garanzie per evitare qualsiasi abuso. I "richiedenti", secondo il disegno di legge, dovranno essere malati terminali o disabili fisici permanenti. Le richieste dovranno essere approvate da un medico e da uno psichiatra. I medici che per ragioni etiche o religiose vorranno astenersi dal somministrare le medicine letali potranno farlo.
"La legge - ha detto MacDonald - vuole risolvere le attuali ingiustizie e dare ai malati l'autonomia di esercitare controllo sul modo in cui decidono di morire. Vogliamo fornire il diritto e la protezione legale a coloro che vogliono assistere i malati".
La legge intende anche evitare che coloro che contemplano il suicidio assistito debbano recarsi in Paesi stranieri dove viene consentita dalla legge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.