Navigation

Gb: stop a Johnson, il parlamento dice no a Brexit il 31 ottobre

Non è ancora finita. KEYSTONE/EPA/ANDY RAIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2019 - 21:50
(Keystone-ATS)

La Brexit forse si farà, ma non il 31 ottobre, a meno che Bruxelles non neghi una proroga al Regno Unito e non apra inopinatamente le porte allo spettro di un no deal.

Boris Johnson ottiene il primo sì dalla Camera dei Comuni alla ratifica dell'uscita dall'Ue, ma perde l'ultima sfida al Parlamento di Westminster per imporre dopo tanti rinvii una procedura sprint: indispensabile per le residue speranze del premier Tory di portare a casa un divorzio concordato entro fine mese, come promesso un'infinità di volte.

Stoppato ancora una volta sabato scorso dall'ennesimo emendamento che aveva impedito di avere un voto sull'accordo raggiunto in extremis con Bruxelles a dispetto di tutte previsioni, il primo ministro ha incassato l'ok di un'inedita quanto netta maggioranza, 322 sì contro 299 no, al passaggio in seconda lettura dell'Agreement Withdrawal Bill, il pacchetto di leggi attuative della Brexit. Ma ha subito una nuova cocente sconfitta - 322 no a 308 sì - sulla mozione presentata dall'esecutivo per comprimere il dibattito a soli tre giorni, in modo da cercare di salvare la scadenza del 31 ottobre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.