Navigation

Gb: Times, diversi ministri premono per uscire dall'Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2014 - 15:04
(Keystone-ATS)

Almeno nove componenti del governo di David Cameron chiedono al primo ministro e leader conservatore di poter fare campagna in favore di una uscita del Regno Unito dall'Ue, nel caso non vadano a buon fine i negoziati sul rimpatrio dei poteri da Bruxelles. È quanto si legge sul Times di Londra, secondo cui la tensione continua a crescere all'interno del partito tory in vista delle elezioni politiche di maggio.

Uno dei ministri ha dichiarato al quotidiano, che non ne rivela il nome, che fra i conservatori c'è un forte malcontento anche sui tempi scelti da Cameron, che ha promesso di indire un referendum 'dentro o fuori' dall'Ue nel 2017.

Secondo alcuni, infatti, questo piano potrebbe sottoporre il partito a un lungo e stressante dibattito e alla fine anche spaccarlo. Sino ad ora il premier non ha chiarito quello che farà nel caso in cui i negoziati con Bruxelles dovessero fallire.

Intanto, in una intervista alla Bbc, l'ex presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso ha dichiarato che Cameron ha indebolito l'influenza del Regno Unito sull'Ue e ha parlato dell'esistenza di una "retorica aggressiva" contro Bruxelles.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.