Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - Il tribunale di Westminster ha bloccato oggi l'estradizione dell'ex leader bosniaco Ejup Ganic, che la Serbia vorrebbe processare per crimini di guerra. Il 64enne è stato arrestato all'aeroporto di Heathrow a Londra l'1 marzo scorso su richiesta delle autorità serbe, ma oggi il giudice Timothy Workman ne ha respinto l'estradizione, affermando che il processo a suo carico in Serbia potrebbe essere influenzato "da motivazioni politiche".
Il vice-procuratore serbo per crimini di guerra Bruno Vekaric ha annunciato oggi che Belgrado farà ricorso contro la decisione del tribunale: "Rispettiamo la decisione della Corte Britannica, ma esiste il diritto al ricorso e lo useremo", ha detto Vekaric all'agenzia Beta.
Ganic è una delle 19 persone che la Serbia vorrebbe mettere sotto processo in connessione con un attacco delle forze bosniache contro una colonna in ritirata dell'ex esercito jugoslavo a Sarajevo nel maggio del 1992. Il bosniaco è accusato dalla Serbia di aver violato la convenzione di Ginevra ordinando l'uccisione di soldati feriti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS