Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Paul Nuttall

KEYSTONE/EPA/WILL OLIVER

(sda-ats)

Dato in difficoltà dai sondaggi, dopo essersi visto strappare la piattaforma pro Brexit dai Conservatori di Theresa May, l'Ukip si gioca la carta del divieto pubblico del burqa e di ogni altro velo islamico integrale in vista delle elezioni britanniche dell'8 giugno.

Lo annuncia Paul Nuttall, succeduto alla guida del partito euroscettico a Nigel Farage, precisando in un'intervista al talk show domenicale di Andrew Marr, sulla Bbc, che questo punto sarà centrale nel suo manifesto programmatico elettorale.

Per Nuttal il burqa e il niqab integrale sono una barriera contro l'integrazione delle donne musulmane nel Regno Unito e possono essere in più "un rischio per la sicurezza". Non solo: egli sostiene anche che il 58% delle donne che "si nascondono dietro il velo" siano economicamente inattive nel Paese.

Questa misura, d'impronta francese, è finora apparsa sempre estranea alla tradizione britannica e nessun altro partito, Tory incluso, la sposa. Nuttall fa leva tuttavia sugli esempi di vari Paese europei, dove almeno se ne discute.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS