Navigation

GB: William e Kate; scoppia febbre da anello di fidanzamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 16:07
(Keystone-ATS)

NEW YORK - "Waity Kate" ha finito di attendere, e in Inghilterra è scoppiata la febbre da matrimonio reale. Tutti gli occhi sono puntati sullo splendido anello di fidanzamento che il principe William ha donato a Kate Middleton. Un gioiello di grande valore e di rara bellezza: uno zaffiro blu dal taglio ovale circondato da una corona di quattordici diamanti, che Carlo donò a Diana 30 anni or sono.
Il matrimonio si annuncia "da favola", e tra i sudditi di Sua Maestà dilaga l'euforia. Naturale che l'anello attiri tutte le attenzioni. Tanto che, dall'altra parte dell'oceano, qualcuno ha fiutato il business: a meno di ventiquattro ore dal fidanzamento ufficiale la Natural Sapphire Company di Manhattan, a New York, aveva già ricevuto 30 richieste per delle copie esatte del prezioso gioiello.
"Il telefono ha preso a squillare pochi minuti dopo l'annuncio. A cercarci sono soprattutto donne - spiega il presidente dell'azienda, Michael Arnstein -, e tutte dicono la stessa cosa: mio marito chiamerà più tardi, ma mi raccomando, la pietra deve essere identica a quella di Kate". Il 30% degli ordini, spiegano dalla Grande Mela, provengono dal Regno Unito, mentre gli altri sono da Canada e Stati Uniti. Una domanda decisamente inaspettata, anche per una compagnia specializzata in zaffiri: "la domanda ha superato l'offerta e non abbiamo abbastanza pietre per soddisfare tutti gli ordini che arrivano".
La replica più costosa dell'anello di William e Kate venduta fino a questo momento, con una pietra da otto carati, vale circa 55'000 dollari. Arnstein, che ha visto in foto l'anello reale per poter lavorare sulle copie, ha stimato il suo valore in più di 300'000 dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo