Navigation

GB dice no a soccorso in Mediterraneo

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2014 - 20:26
(Keystone-ATS)

La Gran Bretagna non sosterrà le operazioni di soccorso per i migranti che navigando nel Mediterraneo tentano di arrivare in Europa. È quanto ha annunciato il Foreign Office, motivando la scelta con il rischio che questo tipo di interventi possano creare "un fattore di attrazione involontaria". Ovvero di fatto incentivare i migranti ad imbarcarsi nei 'viaggi della speranza' verso le coste europee.

Per questo Londra dice No e si tira indietro. Ed è la prima, netta, defezione proprio mentre si attende il via per un impegno europeo, concertato e condiviso, che sopraggiunga a 'Mare Nostrum', l'operazione lanciata nel 2013 dalla Marina Militare italiana che appunto prevede operazioni di ricerca e salvataggio. Al suo posto si intravede 'Triton', questo il nome dell'intervento previsto su base europea che fa capo a Frontex, ma che al momento ha come mandato e compito specifico il controllo delle acque territoriali, non una funzione di ricerca e salvataggio quindi, e sulla base di questo i singoli Paesi metteranno in campo il proprio contributo. Londra non escluderebbe di farlo a sua volta, in futuro, fa sapere un portavoce del ministero dell'Interno, ma al momento si limiterà a mettere a disposizione un funzionario addetto all'immigrazione.

I dettagli della posizione britannica emergono da una nota in una risposta scritta alla Camera dei Lord. "Pensiamo che queste operazioni di soccorso creino un fattore di attrazione involontaria, spingendo più migranti a tentare la pericolosa attraversata via mare e causando quindi più morti tragiche e inutili", ha affermato la sottosegretario agli Esteri, Joyce Anelay. "Il governo britannico ritiene che il modo più efficace per evitare che rifugiati e migranti tentino queste pericolose attraversate sia di concentrare la nostra attenzione sui Paesi di origine e transito, così come adottare misure per contrastare i trafficanti di persone che volontariamente mettono vite a rischio ammassando i migranti su barche non idonee alla navigazione", ha continuato Anelay.

Dure le critiche di Amnesty International in Gran Bretagna, che parla di questa come una "giornata buia" e ritiene che la decisione "verrà giudicata dalla storia come imperdonabile". La direttrice di Amnesty International nel Regno Unito Kate Allen, citata dal Guardian, ha sottolineato come le operazioni di soccorso della Marina italiana, di cui c'era "disperato bisogno", abbiano salvato migliaia di vite e che altri paesi europei dovrebbero intervenire per condividere le responsabilità, e non sottrarsi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.