Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

GE: arrestati tre rumeni che sfruttavano compatrioti

Tre rumeni sono stati arrestati a Ginevra con l'accusa di tratta di esseri umani, usura e minacce. Hanno fatto immigrare in Svizzera alcuni compatrioti, facendo loro credere che fosse facile guadagnare molto denaro, e li hanno costretti a rimborsare il viaggio con tassi di interesse astronomici.

I tre - un uomo di 43 anni, la moglie di 41 e il loro braccio destro di 29 anni - facevano firmare alle vittime un documento per farsi rimborsare il costo del trasporto in Svizzera, da 120 a 200 euro.

Applicavano un tasso di interesse iniziale del 100% a settimana che gradualmente veniva aumentato in caso di mancato pagamento. Per convincere le vittime a versare le somme le minacciavano di bruciare la loro casa o di vendicarsi sulla famiglia rimasta in Romania. I tre dipingevano la Svizzera come un Eldorardo dove è facile farsi molti soldi rubando, mendicando o prostituendosi.

I sospettati sono stati denunciati da una decina di loro connazionali e sono stati arrestati all'inizio del mese. La coppia ha confessato, mentre il 29enne respinge le accuse. Al momento dell'arresto il trio era in possesso di liste con i nomi dei connazionali che sfruttava, ha precisato la polizia ginevrina. L'inchiesta prosegue.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.