Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere di Stato ginevrino Luc Barthassat (foto d'archivio).

KEYSTONE/MAGALI GIRARDIN

(sda-ats)

"Una tempesta in un bicchiere d'acqua": è in sintesi la reazione del consigliere di Stato Luc Barthassat alla polemica sorta nel fine settimana a Ginevra in merito a una multa che il ministro avrebbe tentato di far annullare.

"La contravvenzione di 40 franchi non riguarda un amico - come è stato affermato in un primo tempo - bensì una personalità solettese di passaggio a Ginevra nell'agosto 2016 e che era stata invitata dall'allora presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann a partecipare alla conferenza annuale degli ambasciatori", ha indicato oggi all'ats il capo del Dipartimento ginevrino dell'ambiente, dei trasporti e dell'agricoltura.

Considerando la multa "inopportuna e ingiusta", il consigliere di Stato PPD ha chiesto alla fondazione che gestisce i parcheggi pubblici di contattare il servizio delle contravvenzioni affinché venisse annullata.

Avvertito, il consigliere di Stato Pierre Maudet (PLR), da cui dipende il servizio, è intervenuto per ricordare al collega di governo le regole vigenti in simili casi e per avvertirlo che avrebbe potuto essere accusato di abuso di autorità.

"Non ho in alcun caso ostacolato l'operato dei funzionari del servizio delle contravvenzioni, né esercitato pressioni", precisa Barthassat, aggiungendo che nel frattempo la multa è stata pagata.

La polemica è stata provocata dalla pubblicazione venerdì di una risposta scritta del Consiglio di Stato a una domanda urgente posta dalla deputata di Ensemble à gauche (estrema sinistra) Salika Wenger. Barthassat si è immediatamente difeso, spiegando l'"accanimento" di cui si ritiene vittima con la campagna elettorale già in corso nel cantone per il rinnovo delle autorità nel 2018.

SDA-ATS