Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Yves Bertossa.

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

Un ex gestore patrimoniale di Credit Suisse sarà processato a Ginevra per aver stornato circa 100 milioni di franchi ai danni dell'ex primo ministro della Georgia Bidzina Ivanishvili e di clienti russi.

Il primo procuratore Yves Bertossa accusa il cittadino francese di 54 anni di truffa, falsità in documenti e amministrazione infedele aggravata, indica oggi il portavoce del potere giudiziario Vincent Derouand, confermando una notizia del quotidiano Le Temps.

L'uomo è incarcerato dal gennaio 2016 e il denaro stornato è stato congelato: 80 milioni sono stati individuati su conti intestati a terze persone e alimentati dall'indiziato, mentre 20 milioni sono stati bloccati sotto forma di beni immobiliari e di conti appartenenti all'ex banchiere.

La truffa è stata scoperta da Credit Suisse nel settembre 2015. Ivanishvili ha presentato agli inizi del 2016 una denuncia penale contro l'istituto bancario, accusato di non aver attuato sufficienti misure di sorveglianza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS