Navigation

GE: mantenuta imposta sui cani

Ginevra, mantenuta imposta sui cani KEYSTONE/DPA/FRANK RUMPENHORST sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2020 - 15:09
(Keystone-ATS)

I ginevrini hanno scelto di non eliminare l'imposta sui cani. A voler mantenere la tassa, che porta nella casse cantonali e comunali 2,1 milioni di franchi, è stato il 67,3% degli aventi diritto. La partecipazione si è attestata al 43,1%.

Adottata dal Gran Consiglio, la soppressione dell'imposta era combattuta da un referendum. Secondo il comitato che l'ha lanciato, formato da PS, Verdi, PPD e alcuni membri del PLR, il pagamento di questo contributo è un atto civico e responsabile, un modo per i proprietari di partecipare ai costi della collettività.

L'imposta ammonta a 50 franchi per un cane, a 70 per un secondo e a 100 per i successivi. I padroni devono inoltre farsi carico di una tassa di 4 franchi per la lotta alle epizoozie e di 1 franco per coprire i danni causati dai randagi.

Il comitato per l'abolizione sosteneva invece che il balzello fosse ingiusto e discriminatorio, specie in rapporto ai proprietari di altri animali da compagnia. Invece che imporre tasse, riteneva che si sarebbe dovuto incoraggiare l'acquisto di un cane, dato il suo ruolo sociale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.