Navigation

GE: pena confermata per vicepresidente Exit Romandia

Pierre Beck in una foto recente. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2019 - 14:02
(Keystone-ATS)

Il vicepresidente di Exit Svizzera romanda, Pierre Beck, è stato condannato a 120 aliquote giornaliere sospese con la condizionale. Il Tribunale di polizia di Ginevra ha confermato il decreto d'accusa del Ministero pubblico ginevrino nei confronti del medico.

I fatti risalgono all'aprile 2017. L'anziana aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito, gravemente malato. La coppia si era rivolta a Exit per chiedere aiuto e Beck, un medico in pensione di 74 anni, che aveva esaudito il loro desiderio prescrivendo il medicinale per il suicidio.

Nella sentenza odierna, la Corte ribadisce quanto già sostenuto dall'accusa: l'imputato ha violato la legge federale sui medicamenti e i dispositivi medici.

Per i giudici, Beck ha ceduto alle richieste della donna per altruismo ma anche per convinzione personale, mancando di distanza e di umiltà: in una situazione simile avrebbe dovuto chiedere il parere di altri medici. Anche se la sua collaborazione alle indagini è stata buona, l'uomo continua a ritenere di non aver commesso alcun errore.

Al termine dell'udienza, Yves Grandjean, avvocato di Beck, ha annunciato che è probabile un ricorso. "Questa sentenza mette in evidenza la mancanza di chiarezza in questo ambito", ha detto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.