Tutte le notizie in breve

Frontalieri francesi a un valico ginevrino

Keystone/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Il cantone di Ginevra ha superato per la prima volta nel luglio 2016 la soglia dei 100'000 frontalieri. A fine anno, il numero di stranieri con un permesso G ha raggiunto le 104'272 unità, un aumento dell'8,7% rispetto all'anno precedente.

Poiché i permessi per frontalieri sono validi nella maggioranza dei casi per cinque anni, la cifra in questione comprende anche le persone senza attività, o perché hanno perso il lavoro o perché hanno interrotto volontariamente la loro attività, precisa in una nota odierna l'Ufficio ginevrino della statistica.

Nell'effettivo non sono invece compresi i cittadini svizzeri (anche coloro che possiedono la doppia nazionalità), né i funzionari internazionali che abitano all'estero.

La maggioranza dei titolari di un permesso G risiede nei dipartimenti francesi dell'Alta Savoia (74%) e dell'Ain (19%). Il rimanente 7% abita in altre regioni, quali Savoia, Giura, Rhône, Isère, Doubs, o in altri paesi.

Fra le 4941 partenze (il cui dossier è stato chiuso) registrate nel 2016, 989 riguardano persone domiciliatesi nel cantone di Ginevra, di cui la maggioranza ha ottenuto un permesso di dimora (B). Inferiore al record registrato nel 2015 (1435), questa cifra resta importante, rileva l'Ufficio di statistica.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve