Navigation

General Electric: 200 tagli anziché 450 in Svizzera

L'azienda americana General Electric (GE) vuole tagliare "solo" 200 posti di lavoro in Svizzera, anziché i 450 annunciati. KEYSTONE/AP/THIBAULT CAMUS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2019 - 11:26
(Keystone-ATS)

L'azienda americana General Electric (GE) vuole tagliare "solo" 200 posti di lavoro in Svizzera, anziché i 450 annunciati in estate. La decisione è stata presa grazie alle consultazioni con le parti sociali, si legge in un comunicato odierno della società.

In giugno il gigante industriale americano aveva annunciato i tagli per le unità produttive di Birr e Baden, nel canton Argovia, pur specificando che entrambi i siti sarebbero rimasti in funzione.

Fin da subito erano state annunciate consultazioni con le parti sociali in Svizzera, da svolgere parallelamente a negoziati previsti a livello europeo. Queste trattative hanno portato ad un calo del 55% delle soppressioni.

Secondo l'azienda, il risultato è stato ottenuto grazie a fluttuazioni naturali, accordi con terzi, prepensionamenti e un vero e proprio calo dei tagli. Il gruppo si dice comunque vicino alle persone ancora toccate dai provvedimenti e conferma il piano sociale.

L'obiettivo è quello di trovare un nuovo impiego per questi lavoratori, attraverso un apposito servizio di consulenza creato da GE. Con tale sistema, in occasione di una precedente ristrutturazione, il 90% delle persone aveva trovato un posto ancora prima di uscire dalla società americana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.