Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Generali ha avviato trattative in esclusiva con il gruppo finanziario brasiliano Btg Pactual per cedere la controllata BSI (ex Banca della svizzera italiana). È quanto emerge da una nota diffusa ieri sera, alla chiusura della Borsa di San Paolo dove Btg è quotata.

L'accordo di esclusiva riguarda l'intera partecipazione detenuta dal gruppo assicurativo triestino nella controllata ticinese: in ballo c'è quindi il 100% della BSI. Quest'ultima ha in gestione attività per 90 miliardi di franchi svizzeri mentre Btg, che ha una capitalizzazione in borsa di 13 miliardi di dollari, ha in gestione l'equivalente di 100 miliardi di franchi svizzeri.

La decisione assunta ieri dal Leone, che ha riunito nel pomeriggio il consiglio di amministrazione (cda) per l'esame della trimestrale, segna una svolta nel processo di vendita della controllata elvetica che era stato avviato nel 2012. Tra le offerte arrivate all'indirizzo delle Generali erano circolate quella presentata da Investindustrial insieme a Cinven ed era stato fatto anche il nome di Julius Baer.

La proposta dei brasiliani, di cui non è noto ancora l'ammontare, deve essere stata evidentemente ritenuta dalla compagnia triestina più interessante.

Btg Pactual punta così un'altra fiche in Italia dopo l'ingresso, a fianco di Fintech, nel capitale di Mps nel patto siglato con la fondazione senese.

SDA-ATS