Navigation

Generazione lockdown, 1 giovane su 6 senza lavoro

Non è un paese per giovani. KEYSTONE/EPA NTB SCANPIX/HEIKO JUNGE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

La pandemia causata dal Covid-19 ha provocato un aumento della disoccupazione nel mondo, colpendo in modo particolare i lavoratori più giovani e costringendo uno su sei tra chi ha meno di 29 anni ad abbandonare l'impiego.

Lo denuncia l'Onu citando uno studio dell'Ilo, l'Organizzazione internazionale del lavoro, parlando di una vera e propria ''generazione lockdown'' e sottolineando come la crisi abbia colpito in modo sproporzionato i giovani, le loro opportunità di lavoro e di fare carriera.

Anche prima della crisi, il tasso di disoccupazione giovanile era al 13,6% nel 2019, molto più alto di qualsiasi altra categoria sociale, con circa 267 milioni di giovani né impiegati nel mondo del lavoro, né in quello dell'istruzione o dei corsi professionali. Secondo lo studio dell'Ilo, la crisi causata dal coronavirus cancellerà 305 milioni di posti di lavoro. I più colpiti, appunto, i giovani, con ''un notevole aumento'' nella disoccupazione giovanile a partire da febbraio.

Il rapporto dell'Ilo spiega che i giovani hanno subito un ''triplo shock" dalla crisi causata dal Covid-19 e che ha eliminato non solo posti di lavoro, ma anche ridotto l'istruzione e i corsi professionali, rendendo per loro più difficile poter rientrare nel mercato del lavoro o cambiare impiego. Quasi la metà degli studenti ritiene che il loro percorso di istruzione verrà rallentato, mentre il 10 per cento pensa che non riuscirà a completare l'addestramento professionale. Inoltre il 60 per cento delle giovani donne e il 53 per cento dei giovani uomini interpellati dall'Ilo ritengono che le loro prospettive di carriera ''sono a rischio''.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.