Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Via libera all'esborso alla Georgia della prima tranche di aiuti da 13 milioni di euro dei 46 stanziati dalla Commissione Ue nel quadro del programma di assistenza macrofinanziaria (AMF) al Paese. La seconda parte di fondi, che sarà versata a Tbilisi a metà anno, ammonterà a 23 mln, di cui 10 in sovvenzioni e 13 in prestiti.

Il programma AMF è destinato a migliorare la bilancia dei pagamenti georgiana e a sostenere diverse riforme mirate al rafforzamento della governance economica, l'inclusione sociale, e a un'integrazione economica più stretta con l'Unione europea. In particolare, l'AMF sostiene varie riforme nei settori della gestione delle finanze pubbliche, la politica sociale, la vigilanza bancaria, e le politiche degli scambi e della concorrenza, con inoltre lo scopo di facilitare l'attuazione di una zona di libero scambio globale e approfondita (DCFTA) con l'Ue.

"L'Ue sta aiutando la Georgia ad alleviare i suoi vincoli finanziari pur sostenendo il programma di riforma economica del governo" e quindi "appoggiamo la Georgia nei suoi sforzi per mantenere la stabilità macroeconomica e nel frattempo stimolare la crescita economica e l'integrazione con l'Ue", ha affermato il commissario europeo per gli affari economici e finanziari Pierre Moscovici, ricordando che "l'Ue sta rispettando i suoi impegni".

L'AMF è uno strumento di risposta alle crisi destinato a tutti i paesi partner limitrofi dell'Ue che si trovano in difficoltà rispetto alla loro bilancia dei pagamenti. È un complemento agli aiuti ricevuti dal Fondo monetario internazionale (Fmi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS