Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un 23enne siriano è stato arrestato in Germania con l'accusa di far parte dell'Isis.

Secondo quanto comunicato dalla procura generale tedesca in una nota, l'uomo, identificato come Mohammed G., sarebbe entrato in Germania all'inizio di settembre del 2015 e, una volta arrivato, avrebbe agito come persona di contatto tra l'agenzia Amaq, legata all'Isis, e i possibili attentatori dello Stato islamico.

Inoltre avrebbe fatto propaganda per l'Isis su diverse chat. In concreto, al più tardi dalla metà di settembre del 2016, Mohammed G. sarebbe stato in contatto, tramite social media, con la persona che l'11 ottobre del 2016 avrebbe compiuto un attentato incendiario contro un centro sciita in Svezia. Il giorno dopo l'attentato il 23enne avrebbe chiesto alla persona con cui era in contatto di confessare, in quanto solo così Amaq avrebbe diffuso un comunicato al riguardo. A quel punto l'Isis ha rivendicato l'attentato sul proprio giornale "al Naba".

L'arresto di Mohammed G. è avvenuto ieri in Ostwestfalen, una regione nell'Ovest della Germania. L'uomo è ora in custodia cautelare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS