Navigation

Germania: cade accusa ad infermiera, un errore clamoroso

È in questo ospedale che cinque neonati soffrono per avvelenamento da morfina. KEYSTONE/EPA/RONALD WITTEK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 20:23
(Keystone-ATS)

Un clamoroso errore. Sembra trattarsi proprio di questo nel caso dell'infermiera finita in custodia cautelare per aver avvelenato con la morfina cinque neonati nella clinica universitaria di Ulm, che ha tenuto con il fiato sospeso la Germania nei giorni scorsi.

La morfina ritrovata nella siringa rinvenuta nell'armadietto della donna proviene da un solvente usato dalla polizia scientifica: lo hanno stabilito analisi comparative della polizia criminale regionale (Lka) bavarese che hanno confermato che sia il latte materno proveniente dalla siringa che quello presentato in seguito non conteneva morfina.

La prova regina che inchiodava l'infermiera è venuta quindi a cadere e la donna è stata rilasciata con le scuse del procuratore capo Christof Lehr, riferisce l'agenzia di stampa tedesca Dpa. Resta il mistero da chiarire sulle condizioni critiche dei cinque neonati la stessa notte di dicembre e le tracce di morfina ritrovate nell'urina dei piccoli prematuri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.