Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tendoni, ottovolanti, ruote panoramiche. E ovviamente, come di consueto, giovani donne in costumi tradizionali pronte a trasportare fiumi di birra agli ospiti assetati. Domani alle 12 in punto, al grido di 'Ozapft is' (è stappata), il sindaco di Monaco Dieter Reiter darà il via ufficiale all'Oktoberfest, la festa bavarese della birra che ogni anno attira milioni di persone da tutto il globo per l'happening popolare più partecipato al mondo.

"La mia più grande speranza è che anche quest'anno sia una festa pacifica, in cui tutti possano divertirsi", si è augurato il sindaco Reiter, alla sua 'prima volta' in veste di primo cittadino.

La storia dell'Oktoberfest risale a oltre cento anni fa, quando nel 1810 il principe Ludwig prese in sposa Therese von Sachsen-Hildburghausen in una sfarzosa cerimonia, in cui ovviamente non mancò la birra.

Oggi la kermesse procura grandi fonti di guadagno, per i gestori dei tendoni dove si offre la bionda più famosa della Germania, per gli albergatori che propongono prezzi da altissima stagione, i taxi e l'indotto. In media ogni ospite spende 68 euro al giorno, per un introito atteso di 435 milioni di euro, anche grazie a un prezzo al boccale non proprio popolare, di dieci euro.

I cancelli dell'Oktoberfest resteranno aperti fino al prossimo 5 ottobre e gli organizzatori si aspettano circa sei milioni di visitatori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS