Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una giovanissima e colorata Elisabetta II su un pony blu: il quadro donato a Berlino da parte del presidente tedesco Joachim Gauck ha suscitato momenti di imbarazzo nelle diplomazie quando la regina ha commentato che il colore dell'equino era "divertente".

La regina ha inoltre aggiunto che non riconosceva la figura maschile al suo fianco, che secondo le intenzioni dell'artista sarebbe suo padre, re Giorgio VI.

Secondo la stampa britannica, quanto successo questa mattina al palazzo Bellevue, residenza ufficiale del presidente, è stato quindi un vivace intermezzo in una visita di Stato di Elisabetta e del principe consorte Filippo che sarà dedicata anche al ricordo e alla commemorazione dei caduti della Seconda Guerra Mondiale e dell'Olocausto.

Il quadro, commissionato per l'occasione, è stato dipinto dalla pittrice Nicole Leidenfrost, che si è basata su una vecchia foto del 1930 che ritrae appunto una giovanissima futura regina insieme a suo padre e sul dorso di un pony. Il Daily Telegraph sottolinea tuttavia come poi l'imbarazzo momentaneo si sia risolto fra i sorrisi, ma solo dopo la domanda della regina che ha chiesto "e quello dovrebbe essere mio padre?". Pronta la contro domanda del presidente Gauck: "Non lo riconosce?". E altrettanto pronta è stata la risposta della sovrana: "No". Regalo invece più tradizionale per il principe Filippo, che ha ricevuto una mappa dell'Europa nell'800 e una confezione di marzapane tedesco di lusso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS