Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cresce lo scetticismo in Germania sulle possibilità di un salvataggio della Grecia all'interno della zona euro. Diversi esponenti politici della maggioranza, come il segretario generale dei Liberali Patrick Döring e il parlamentare della Cdu Wofgang Bosbach ritengono che una uscita di Atene dalla moneta unica sarebbe, a questo punto, opportuna. Mentre esclude la possibilità di nuovi aiuti il leader bavarese Csu Horst Seehofer, alleato del governo Merkel.

Per il segretario generale dell'Fdp Patrick Döring, "se Atene non fosse più parte dell'eurozona questo potrebbe dare nuova fiducia ai mercati. E la Grecia, fuori dall'euro - ha detto al Passauer Neue Presse - potrebbe più velocemente recuperare competitività e tornare sana".

Della stessa opinione il politico della Cdu Wolfgang Bosbach, per il quale i due anni trascorsi hanno dimostrato che alla Grecia mancano competitività, morale fiscale e una amministrazione più efficiente, "per questo motivo nuove promesse di credito e garanzie non cambiano la situazione".

Secondo Seehofer "non dovremmo affatto parlare di un nuovo pacchetto di aiuti. E i soldi dei pacchetti già decisi dovrebbero essere consegnati solo se la Grecia adempie agli impegni presi".

Con le misure di sostegno per Atene, dice alla Bild, l'Europa si è già "spinta ai limiti del sostenibile". Il vicecapogruppo della Cdu Michael Meister sottolinea invece che il governo greco vuole poter raggiungere gli obiettivi stabiliti dal programma non nel 2014 ma nel 2016. "Se più tempo significa più soldi - sostiene al Rheinische Post - non ritengo che questo sia fattibile".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS